Milano, il lavoro che protesta alla Scala