Utopia e violenza: "L'amore degli insorti" di Stefano Tassinari. Di Nicola Campostori (da Critica Letteraria)*