Cronista di nera alle prese con una «novel fiction». Di Giuliano Santoro (da il manifesto)*