Recensione di Alessandra Pigliaru su il manifesto