In movimento

Roma: simbolica chiusura del quotidiano "il Messaggero"

imq

Una cinquantina di militanti di Sinistra Critica hanno bloccato questa mattina l'entrata del quotidiano Il Messaggero, denunciando lo sfruttamento degli immigrati che avviene nella città, nel silenzio complice dei media. Sotto accusa il proprietario del quotidiano Caltagirone, noto palazzinaro romano che sfrutta il lavoro migrante nei suoi cantieri e nasconde le disumane condizioni di vita e lavoro sul giornale di famiglia

il comunicato:

Caltagirone: sulla pelle dei migranti sfruttamento, speculazione e nessuna informazione!

Nel nostro paese gli immigrati sono invisibili. Invisibili per la stampa, invisibili per la politica, invisibili per la società, tranne quando è necessario individuare un capro espiatorio per l’ennesimo episodio di cronaca nera. Ma sono i migranti a costruire le nostre case, a cucinare nei nostri ristoranti, a badare ai nostri anziani.

Come insegna la tragica vicenda di Rosarno i migranti sono necessari per la nostra economia e bersagli della nostra xenofobia.

Sinistra Critica oggi chiude simbolicamente la sede de il Messaggero, per denunciare lo sfruttamento brutale degli immigrati che quotidianamente avviene nella nostra città nel silenzio dei media. Ci sono proprio i migranti alla base dei profitti del “palazzinaro” Caltagirone, proprietario di questo quotidiano, che da un lato sfrutta largamente il lavoro dei migranti nei suoi cantieri e dall’altro nasconde le disumane condizioni di lavoro e di vita dei migranti ignorate dal giornale di famiglia.

Il primo marzo in Italia ed in Francia ci sarà il primo sciopero del lavoro migrante. Una giornata senza immigrati sui posti di lavoro per far sentire il peso dei lavoratori immigrati sull’economia nazionale. Sinistra Critica sarà in piazza a fianco degli immigrati insieme a migliaia di cittadini/e antirazzisti/e, perché gli immigrati diventino protagonisti della propria vita e del proprio destino.

Contro la guerra fra poveri

Per la libertà di circolazione dei migranti

Per una sanatoria di tutti i migranti presenti sul territorio

LE NOSTRE VITE VALGONO PIù DEI LORO PROFITTI!

1° Marzo 2010 – Sciopero degli stranieri

leggi anche