la nota quotidiana

Nota quotidiana

«Cinquant'anni dopo», una storia che diventa grido disperato

Tommaso Di Francesco (da il manifesto)

Non più due Stati, ma nemmeno uno Stato solo, quello israeliano che ha requisito le loro terre ma non intende accettarli se non in regime di apartheid. Non sono bastate, ricordano gli autori, stagioni di intifada, leader prestigiosi, disperazioni collettive, decine di migliaia di vittime.

Nota quotidiana

Voci dal silenzio

Geraldina Colotti (da Le Monde diplomatique)

La storia dei movimenti rivoluzio­nari degli anni Sessanta e Settanta in Argentina è ancora poco conosciuta e a questo libro - battente e preciso - va il merito di averla richiamata al presente interrogando complicità e silenzi dell'I­talia di allora: quella delle stragi fasci­ste, dei servizi segreti "deviati" e della lotta armata, che anche spiega il ritardo del Partito comunista nella difesa di quei militanti.

Nota quotidiana

Del maiale nostrano non si butta via nulla, neanche il razzismo

Daniela Ranieri (da Il fatto quotidiano)

Mangiare maiale, spiega Bukowksi è un condizionamento del cristianesimo , dunque per nulla un atto “laico”. Questa finta opera di laicizzazione del credente maschera una sua trasformazione in consumatore. Ancora una volta, ma in forma di farsa come previsto da Marx, non è la Ragione, ma la legge della Struttura, il Mercato, a fagocitare le Sovrastrutture e i principi delle comunità.

Nota quotidiana

La parola collettiva, la lotta, la fabbrica

Giorgio Fontana (da A rivista anarchica)

Dice a gran voce, in un panorama dove “il racconto del lavoro non fa notizia, anzi non è notizia”, che le fabbriche esistono ancora. Che la produzione esiste ancora, contro ogni ideologia di immaterialismo, ed esiste il dolore che la produzione genera

Nota quotidiana

Rosaria e gli altri: indagine sui 30mila desaparecidos

Irene Tinero (da Il fatto quotidiano)

Questo libro vuole essere un antidoto all’oblio in cui si cerca di rilegare, ancora oggi, i destini di tutte queste persone.

Nota quotidiana

Verrebbe da dire: è cambiato tutto ma non è cam­biato niente

Michael Braun (da Internazionale)

La recensione di "Meccanoscritto" apparsa su Internazionale a firma di Michael Braun, corrispondente del quotidiano berlinese "Die Tageszeitung".

Nota quotidiana

Quella volta che la dolce nonna uccise il nonno

Alessandro Mantovani (da Il fatto quotidiano)

Immaginate di tuffarvi in quella storia, che non sta «dove di solito si trovano le storie dei nonni, cioè in casa, negli oggetti, tra le numerose fotografie di foggia antiquata conservate con cura», ma fuori: «nelle strade della mia città, in qualche libro, in un film, nei rari racconti strappati al pudore e al rimpianto degli amici e dei compagni».

Nota quotidiana

Il giudice "riapre" il caso di Rosaria rapita in Argentina

Dario Del Porto (La Repubblica Napoli)

La notte tra il 13 e il 14 settembre 1976. Rosaria Grillo, una ragazza del quartiere Barra che studiava all'università della capitale argentina e militava nella Juventud guevarista, nome di battaglia "Irene", viene prelevata insieme al compagno e altri sei studenti. Di lei non si saprà più nulla.

Nota quotidiana

Quando nella Milano anni Sessanta gli operai scrivevano racconti per Eco, Arpino, Fortini e Bianciardi

Un intrec­cio che ripropone due epoche­ storiche messe allo specchio: il periodo in cui le lotte sindacali erano in fase offensiva, esplo­rato con una modalità di scrit­tura individuale; e il mondo del lavoro al giorno d'oggi, ro­vesciato rispetto ad allora, in cui le battaglie sindacali sono in fase difensiva e che viene raccontato con una narrazione collettiva.

Nota quotidiana

Le pagine di una corale vita operaia

Alessandro Santagata (da il manifesto)*

Dall’assalto al cielo alla precarietà. La recensione di "Meccanoscritto" su il manifesto.

Nota quotidiana

Appunti per una critica antiautoritaria all’oppressione delle donne romnì

Martina Guerrini (da A rivista anarchica)

Pubblichiamo l'intervento di Martina Guerrini in occasione della presentazione del libro di Anina Ciuciu Sono rom e ne sono fiera tenutasi a Livorno il 16 febbraio a cura dell’Associazione don Nesi / Corea

Nota quotidiana

Rosaria Grillo, la «desaparecida» napoletana scomparsa in Argentina

Eduardo Milone (dal Corriere del Mezzogiorno)

«Ho deciso di scrivere questo libro per riparare, nel mio piccolo, al torto che l’Italia ha fatto ai desaparecidos dimenticandoli. Un silenzio a volte complice. C’erano rapporti inconfessabili fra il regime e, ad esempio, la P2».

Nota quotidiana

Bibliodiversità e territorio. Alegre, la libreria-casa editrice cuore del Pigneto

Leonardo Neri (da Romaitalialab)*

L’obiettivo è quello di essere un presidio culturale per riuscire a leggere i problemi del quartiere insieme ai chi lo vive quotidianamente e per non fomentare guerre fra poveri ma incitare alla collaborazione collettiva e allo sviluppo di una coscienza critica rispetto alle cause e alle possibili soluzioni dei problemi.

Nota quotidiana

Le parole della classe operaia

Massimo Franchi (da "l'Unità")

Fu Luciano Bianciardi su l’Unità a chiedere agli operai di scrivere. Ora quei testi smarriti dei metallurgici sono stati ritrovati da Ivan Brentari che con Wu Ming 2 e il Collettivo MetalMente ha realizzato un libro che mescola le storie di ieri con quelle attuali.

Nota quotidiana

La "Road to revolution" è partita

Sono 4.585 gli euro raccolti per la nostra campagna di crowdfunding. Il nostro viaggio tra le parole della rivoluzione è ufficialmente partito.

Nota quotidiana

I femminismi: la storia delle storie

Giovanna Pezzuoli

Un nuovo movimento femminista è oggi più che mai urgente, un movimento che dovrebbe partire proprio dalle donne più vulnerabili alle politiche di austerità, alla violenza maschile, alle discriminazioni sui posti di lavoro, contrapponendosi al femminismo lean in, falsamente universalista.

Nota quotidiana

La rivoluzione di febbraio

Lev Trotsky

Il 23 febbraio di cento anni fa - 8 marzo per il nostro calendario - scoppia, in modo largamente spontaneo, la rivoluzione di febbraio, prima fase di ciò che accadrà in ottobre. Ecco come racconta quel giorno Trotsky in "Storia della rivoluzione russa" che ripubblicheremo nei prossimi mesi.

Nota quotidiana

L'8 marzo, dalla storia al presente

Tatiana Montella

Pubblichiamo la postfazione di Tatiana Montella al volume Storia delle storie del femminismo di Cinzia Arruzza e Lidia Cirillo. Uno stralcio estratto dalla postfazione è stato pubblicato sul numero di febbraio di Le Monde diplomatique.

Nota quotidiana

Anina che diventerà magistrato, orgogliosa di essere rom

Paolo Foschini (dal Corriere della Sera)*

Monito ai tantissimi che ritenendosi tanto facilmente «aperti» e pronunciando così spesso la fatidica parola «integrazione» non sempre colgono l’insidia nascosta nel proprio stesso pensiero: dicendo «integratevi», ma in realtà intendendo «diventate come noi».

Nota quotidiana

Una "Casa della Letteratura" come pretesto per speculare?

Milena Magnani

Sull'uso strumentale che la giunta di Virginio Merola vorrebbe fare dell'idea di Stefano Tassinari di una casa della letteratura a Bologna.