Nota quotidiana
Wolf Bukowski
(da Internazionale)*
L’ordinanza del sindaco è come una birra appena spillata. Sotto c’è la struttura, la sostanza, la base economica. Sopra, la schiuma: narrazioni, retoriche, ideologia.
In movimento
Salvatore Cannavò
Marco Bertorello
Circa 200 persone hanno partecipato ieri al convegno "Il Giubileo del debito?" a Genova all'interno delle iniziative per i 15 anni dal G8, da cui è partita l'idea di costruire una sezione italiana del Catdm, il comitato internazionale per l'annullamento dei debiti illegittimi. Di seguito pubblichiamo gli articoli sull'iniziativa usciti su Il Fatto quotidiano e su il manifesto.
In movimento
Mika Etchèbère
Mika Etchebéhère, una delle grandi dimenticate della storia, non fu una storica o una scrittrice bensì una combattente sul fronte aragonese, unica donna a diventare “capitana” di una colonna militare antifranchista. Di seguito le primissime pagine del suo memoir "La mia guerra di Spagna", pubblicato nel '76 e divenuto subito introvabile, ora in libreria con una nuova edizione.
Cronache dalla crisi
A 15 anni da Genova 2001 un convegno per riportare la questione del debito al centro dell'attenzione politica e sociale. Interverranno tra gli altri Eric Toussaint, Alex Zanotelli, Francesco Gesualdi, Guido Viale, Francesca Coin, Marco Bersani e Marco Bertorello.
Rassegna dal web
Simone Scaffidi
(da Carmilla On Line)*
La sua vicenda ci racconta di un salto di qualità del livello di arbitrarietà e impunità del regime. Gli egiziani, da subito, hanno provato a trattarlo come un “caso isolato”, e sappiamo che ciò non è – visti i numeri, sempre crescenti, di sparizioni forzate, torture e morti in carcere.
Rassegna dal web
Giuliano Milani
(da Internazionale)
La scomparsa di Regeni non è da inserire "in un disegno misterioso" - come vorrebbe chi, anche in Italia, è interessato a mantenere buoni rapporti con il regime egiziano - ma appare chiaramente come un episodio della sistematica repressione operata dagli apparati di sicurezza, il cui controllo sfugge allo stesso al-Sisi.
Nota quotidiana
Felice Mometti
Nel pensiero di Bensaïd vi è una critica radicale della nozione di progresso lineare della società nella storia fino a parlare di una «non contemporaneità del presente con sé stesso» e di una «politica come punto di incontro tra tempi discordanti».
Condividi contenuti