Nota quotidiana

Le utopie di Letteraria arrivano a Bologna

Giulio Calella

Dal 16 al 18 settembre il Festival di Letteraria sbarca per la prima volta a Bologna, al Vag61, nella città che l'ha vista nascere per mano di Stefano Tassinari, e che è ancora oggi il cuore pulsante della sua redazione.

Tutto nacque a Bologna nell’ormai lontano 2009 dall’idea di Stefano Tassinari di riunire scrittori e scrittrici frequentati da sempre in confronti pubblici e presentazioni di libri, per legare quelle conversazioni ad un progetto di “letteratura sociale”, per dare un “senso politico” collettivo al lavoro quotidiano della scrittura.
Stefano ci ha lasciato nel 2012 ma la sua rivista è ancora qui e ha ancora il cuore pulsante nella sua Bologna. Letteraria si è in parte trasformata con la nuova serie, il collettivo redazionale ha perso qualcuno per strada e ha coinvolto nuovi preziosi collaboratori. Ma sono ancora vive e attuali la ricerca e la necessità da cui è partita. In un tempo dove le riviste letterarie cartacee tendono a scomparire noi – pur con mille difficoltà – non rinunciamo agli strumenti che rendono collettivo il nostro lavoro, almeno finché non ne troveremo di nuovi più efficaci e convincenti.
Ma la rivista riesce ad influire davvero sulla realtà quando fa discutere, se sa costruire momenti di riflessione e partecipazione culturale. Già nel 2011 Stefano aveva lanciato l’idea del Festival di Letteraria, che si svolse per la prima volta nelle Marche, a Caldarola. E lì ci dicemmo che lo avremmo dovuto rifare a Bologna, e anche a Roma. Dal 2012 al 2016 ci sono state nella capitale cinque edizioni del festival, l’ultima lo scorso giugno. Grazie allo sforzo della redazione bolognese e alla convinta partecipazione dello Spazio liberato autogestito Vag61, dal 16 al 18 settembre il Festival di Letteraria arriverà anche a Bologna, città natale della rivista.
Le utopie e le distopie di cui si parla nell’ultimo numero attraverseranno tutte le discussioni in programma, dalle esperienze rivoluzionarie a quelle di viaggio, dalle distopie dittatoriali e di guerra a quelle ambientali. I temi e gli articoli sollevati dalla rivista si intrecceranno con i libri di cui abbiamo scelto di discutere nei tre giorni, quelli di Bruno Arpaia, Alberto Prunetti, Simone Pieranni, Wu Ming 2, Massimo Vaggi, Lorenzo Declich, Giuseppe Ciarallo e Selene Pascarella. In tre giorni non solo di discussioni ma anche di musica, reading e buon cibo.

Di seguito il programma completo dei tre giorni.

**************************

VENERDÌ 16 Settembre

* Ore 18.00
Tra utopie e distopie
Presentazione dell’ultimo numero della Nuova rivista Letteraria
Intervengono i redattori:
- Wu Ming 1
- Alberto Prunetti
- Alberto Sebastiani
- Giulio Calella

* Ore 20.00
Cena in sostegno della rivista (con proiezione delle gallerie fotografiche di tutti i numeri)

* Ore 21.00
Utopie e distopie ambientali
Presentazione del libro Qualcosa, là fuori di Bruno Arpaia (Guanda Editore, 2016)
Intervengono:
- Bruno Arpaia
- Silvia Albertazzi

* Ore 22.30
Reading musicale delle ultime uscite della collana Quinto Tipo diretta per le Edizioni Alegre da Wu Ming 1, PCSP. Piccola ControStoria Popolare di Alberto Prunetti e Settantadue di Simone Pieranni
Musiche dei Bhutan Clan
Incursioni e letture degli autori

SABATO 17 Settembre

* Ore 17.30
Utopie e distopie di viaggio
Presentazione de Il sentiero luminoso di Wu Ming 2 (Ediciclo Editore, 2016)
Intervengono:
- Wu Ming 2
- Adriano Masci
- Wolf Bukowski

* Ore 19.00
Utopie e distopie rivoluzionarie
Dalla rivoluzione del 2011 alla scomparsa di Giulio Regeni
Presentazione di Giulio Regeni, le verità ignorate di Lorenzo Declich (Alegre, 2016)
Intervengono:
- Lorenzo Declich
- Francesca Biancani
- Girolamo De Michele

* Ore 20.30
Cena in sostegno della rivista con reading dall’ultimo numero

* Ore 21.00
Utopie e distopie di guerra
Presentazione - a cura di Resistenze in Cirenaica - de Gli apostoli del ciabattino di Massimo Vaggi (Página Uno, 2016)
Intervengono:
- Massimo Vaggi
- Paolo Vachino
- Wu Ming 1

* Ore 22.30
Reading concerto
Wu Ming 2 + Contradamerla in Surgelati, opera a 10 mani per scrittore e rock band

A seguire dj-set
Bologna Calibro 7 Pollici
100% Original Black Music on 7” records
R&B, Popcorn, Soul, Funk, Ska, Rocksteady & Early Reagge

DOMENICA 18 Settembre

* Ore 13.00
Pranzo in sostegno della rivista Letteraria preparato dalla Brigata Rita.
Durante il pranzo ci saranno interventi in ricordo di Stefano Tassinari, fondatore della rivista, e presentazione di Luca Gavagna del sito www.stefanotassinari.it

* Ore 16.00
Presentazione fondo Roberto Roversi con esposizione delle riviste.
Intervengono:
- Bruno Brunini
- Rudi Ghedini
- Valerio Monteventi

* Ore 17.30
Utopie e distopie letterarie
Presentazione del libro Le spade non finiscono mai di Giuseppe Ciarallo (Pagina uno, 2016)
Intervengono:
- Giuseppe Ciarallo
- Franco Foschi

* Ore 19.00
Utopie e distopie di una cronista di nera
Presentazione del nuovo libro della collana Quinto tipo (in libreria per Alegre dal 22 settembre), Tabloid inferno. Confessioni di una cronista di nera di Selene Pascarella
Intervengono:
- Selene Pascarella
- Wu Ming 1
- Tommaso De Lorenzis