Corrispondenze

La riconquista di Istanbul

Sara Datturi

Una testimonianza della vera e propria rivolta, repressa duramente dalla polizia, che ha in un parco, quello di Taksim, il simbolo del malcontento contro le speculazioni edilizie, le ineguaglienze, il governo della legge del profitto.

Istanbul, 31 maggio 2013.
"When I enter in a jungle I need nothing but jungle to survive. Even if is hard, hot and uncomfortable. There I am happy as a child. Having nothing-I have everything..
And you in the city? When you own nothing, you hardly have everything”
(Rayan, graffiti in Istanbul)

Indignazione: forte, contratta.. infinita.
Di quelle che ti fanno stringere lo stomaco, serrare I denti e trattenere il fiato.
Istanbul, una megacity che continua il suo slancio economico verso un profitto fittizio, offuscato, malato. Le conseguenze di questo neo liberalismo sfrenato si riversano su tutta la cittadinanza: orari di lavoro interminabili, spazi verdi riconvertiti in super centri commerciali, urban gentrification, ineuguaglianza.
Lo slogan principale è arricchirsi, lavorare per comprare una nuova casa, nuovi vestiti, una macchina.. ma a quale prezzo?
Cultura, identità, storia, religione.. intrecciate e ritrasformate.

Un parco, quello di Taksim, diventa il simbolo di un malcontento che da troppo tempo pizzica silenzioso ma presente i cuori accoglienti di queste donne e uomini Turchi.
Un parco che un governo che si definisce democratico, aperto al progresso e “attento ai problemi sociali” vuole distruggere, ritrasformare, vendere.
Tre giorni fa quando le ruspe hanno cercato di distruggere i primi alberi ecco che i primi attivisti, donne, bambini, anziani sono accorsi per dire NO, per gridare BASTA a questo tipo di politiche orientate al profitto di pochi. Troppo silenzio e accettazione passiva.. ora YETERLI! (basta).
Troppi distretti di Istanbul sono e stanno cambiando, sono assediati dai nuovi progetti di trasformazione urbana promossi dal governo, che li ha giustificati utilizzando discorsi quali il rischio di terremoti, la riduzione del crimine e della sporcizia, in nome di un nuovo benessere.
Alcuni distretti come quello di Tarbalasi (zone appena vicino il centro di Taksim), un quartiere Greco, armeno e ordotosso dove negli anni 70 ed 80 si sono traferiti Turchi provenienti dal Sud-est, e negli ultimi anni migranti africani sta vivendo questo dramma. Quest’area è stata soggetta a scontri periodici da parte degli abitanti perché definita e scelta come area da rinnovare, ritrasformare, distruggere. Distruzione non solo degli edifici, ma allontanamento forzato di una comunità con una cultura e tradizioni forti, vive, colorate.. piene di vita e di memoria storica che si intrecciano e coesistono con i valori di un progresso finto in cui tanti di loro non si riconoscono. Come Tarbalasi, esistono tante altre aree che stanno aspettando di essere cambiare, rinnovate, annullate in nome di grandi spazi residenziali con piscine e palazzoni da 12 piani.
Uno spazio urbano che cambia, una società che chiede di partecipare, di essere interpellata in questo processo. Niente di tutto questo, questo governo così bravo nelle public relations da attirare investitori locali e stranieri non accetta deroghe, cambiamenti, comunicazione con i suoi abitanti. Il padre della patria ha deciso, e non si torna più indietro.

Punto e a capo. L’altro ieri questo ingranaggio distorto e malato si è inceppato, tanti granellini di sabbia l’hanno inceppato, hanno detto NO. Tanta gente di tutte le età si è ritrovata in questo parco con i sui pioppi settantenni per gridare, ballare, riprendersi lo spazio pubblico di una città che nel giro di dieci anni è diventata la vetrina di troppe multinazionali.
Sogni, progetti, vita.. musica, striscioni, slogan.. occhi di giovani e di anziani che si legano indissolubilmente alla storia di una Turchia così complessa, nostalgica e forte.
La cultura del relax in questi giorni si è trasformata in resistenza.

Una guerriglia urbana è in corso nella zona del parco di Taksim, nella piazza centrale e nella strada principale Istiklal. La polizia ha avuto ordini di reprimere, sopprimere, impastare e distruggere questo granello di sabbia. La reazione della polizia è folle, criminale, completamente disumana. Stanno utilizzando gas lacrimogeni come caramelle, getti di acqua grigia e manganelli per disperdere ed impaurire la gente, per violentare ogni germe di ribellione.
Colpiscono tutti: anziani, turisti, attivisti, bambini.. ogni elemento che si trovano di fronte. Sono il frutto di un lavaggio del cervello sottile e strategico. Li guardo: hanno visi giovani, occhi spenti ma convinti.. mi chiedo quale siano le loro storie, quali decisioni ed esperienze li abbiamo portati a combattere per distruggere, colpire al cuore la forza della “loro “gente. Forse non hanno avuto scelta. Un lavoro prima di tutto e poi il resto non conta. Ma è davvero così? Tante domande scorrono nella mia testa.. memorie di lotte passate in Italia, Europa e Palestina. Tanti granelli.. tanti castelli di sabbia che sono nati e lottano instancabili contro le onde di questo sistema contradditorio e luccicante, che promette di “avere” e dimentica la dimensione innata umana dell’ “essere”.
Ieri 30 maggio 2013, 10,000 persone si sono ritrovate nel parco di Taskim per gridare NO.

La pentola a pressione è scoppiata. La repressione violenta della polizia di queste notti nei confronti degli attivisti rimasti nel parco ha riportato e riattivato la popolazione. Il risultato è stato la guerriglia urbana di oggi, diventata tale, dopo che la polizia ha attaccato con centinaia di gas lacrimogeni, manganelli e gettate di acqua grigia ogni abitante arrivato in piazza per dimostrare indignazione, il diritto a riprendersi la città, a chiedere in modo legittimo di ripensare e cambiare questo spazio urbano sociale.
Gli scontri sono ancora in atto al momento.. stasera è prevista un’altra manifestazione alle 7. Il sistema si è inceppato, tanta gente che era rimasta nel dormiveglia, intrappolata in questo castello di vetro del progresso sta germogliando e ascoltando il suo lato umano.. l’individualismo è stato rinchiuso in nome di una solidarietà pronta a combattere, resistere per decidere come vuole e se vuole essere cambiata. Il granello è nato, è stato lanciato.. Ancora una volta questa giungla umana sta riscrivendo la sua storia. E io ho deciso di esserne parte.

Istanbul, 31 Maggio 2013

leggi anche

#GeziPark

di: AA. VV.

Pianeta indignato

di: Josep Maria Antentas Esther Vivas
le mani sulla città

Le mani sulla città

di: Paolo Berdini Daniele Nalbone

Sconcerto di una notte d’estate

Josep Maria Antentas*

Diritti ed autogoverno, la lezione di Ada Colau

Giacomo Russo Spena Steven Forti (da Micromega)*

Quando il Piano B è il Piano A

Josep Maria Antentas*

Podemos, gli eredi degli Indignados diventati partito

Matteo Pucciarelli (da Repubblica.it)*

Spagna, il fenomeno Podemos

Antentas, Lopez, Rodriguez (Da Communianet.org)

19O: vincono i movimenti

Thomas Müntzer (Da Communianet.org)