In movimento

"Communia", a Roma prove di autogestione

Occupato stabile pubblico abbandonato a San Lorenzo. Un laboratorio di "mutuo soccorso" per resistere alla crisi.

Da repubblica.it
Lo "tsunami tour" dei movimenti non si è arrestato. Oggi è nato "Communia" (dal predicatore eretico Thomas Muntzer che gridava "Omnia sunt Communia", tutte le cose sono comuni): un nuovo spazio, anch'esso occupato, in via dei Corsi a San Lorenzo, che nelle intenzioni del gruppo di giovani che lo presidia dovrebbe trasformarsi in un luogo di servizi aperto alla cittadinanza con una scuola popolare, uno sportello legale, aiuto per lo studio"

Le foto: http://roma.repubblica.it/cronaca/2013/04/07/foto/tsunami_tour_anche_a_s...

Il comunicato
Oggi 7 aprile, a Roma nasce Communia.
Da un percorso costruito con Ri_Pubblica, rete di collettivi sociali nata sulla scia dell’esperienza dei comitati per l’acqua pubblica, abbiamo proseguito l’iniziativa cominciata con l’occupazione del Cinema America del Novembre scorso, occupando uno stabile inutilizzato di proprietà del comune nel quartiere di San Lorenzo.

Vogliamo “Ri_pubblicizzare” uno spazio, sottrarlo alle speculazioni e al degrado in cui è immersa la nostra città, prendendo esempio da chi ha occupato i teatri dismessi; da chi licenziato prova ad autogestire la propria fabbrica; da chi ha impedito in prima persona la costruzione di nuovi nocivi inceneritori; da chi ha occupato la propria scuola o facoltà per renderla accessibile a tutti e tutte. Tutto questo a partire dalla nostra solidarietà concreta con la lotta dei cittadini di via dei Corsi, adiacente allo spazio occupato, a cui l’Ater tenta di scippare la propria casa. Uno spazio dove creare nuovi strumenti di “mutuo soccorso” e in cui ricostruire l’idea stessa di democrazia.

Cinquecento anni fa, in una situazione tanto diversa quanto simile, il predicatore eretico Thomas Muntzer gridava: “Omnia sunt Communia”, tutte le cose sono comuni. Nell’epoca delle sfrenate privatizzazioni che hanno distrutto la società e individualizzato i nostri lavori e le nostre vite, pensiamo che si debba iniziare di nuovo da qui.

Ieri a Roma è stata una giornata di mobilitazione per la riappropriazione dei tanti, troppi spazi abbandonati di questa città, per rispondere all’emergenza abitativa e non solo. Questo “Tsunami tour” continua anche oggi.
Invitiamo tutti e tutte i cittadini del quartiere, i movimenti che hanno dato vita alla giornata di ieri, gli studenti, le lotte sociali e in difesa del territorio a un’assemblea pubblica nel nuovo spazio occupato alle 17 (Via dei Peligni, San Lorenzo).

leggi anche

#GeziPark

di: AA. VV.

CatasTroika

di: Marco Bersani

Pianeta indignato

di: Josep Maria Antentas Esther Vivas

Acqua in movimento

di: Marco Bersani

Le vie dell'acqua

di: Maurizio Montalto Alfonso Pecoraro Scanio

Sconcerto di una notte d’estate

Josep Maria Antentas*

Diritti ed autogoverno, la lezione di Ada Colau

Giacomo Russo Spena Steven Forti (da Micromega)*

Quando il Piano B è il Piano A

Josep Maria Antentas*

Podemos, gli eredi degli Indignados diventati partito

Matteo Pucciarelli (da Repubblica.it)*

Spagna, il fenomeno Podemos

Antentas, Lopez, Rodriguez (Da Communianet.org)