Cronache dalla crisi

Brescia, il giorno dopo le cariche. La lotta continua

da radiondadurto.org

I migranti ancora sulla gru avviano lo sciopero della fame. Fallisce la reazione violenta ordinata da Maroni. Anche se cinque migranti, arrestati, sono ora detenuti nel Cie di Torino. Oggi manifestazioni di solidarietà in molte città. La cronaca da radiondadurto

Ore 13.00: Cinque dei didici immigrati espulsi ieri dopo le cariche della polizia durante lo sgombero del presidio permanente sotto la gru sono detenuti nel Cie di Corso Brunelleschi a Torino. Si tratta di quattro egiziani e un tunisino, Samir che abbiamo contattato telefonicamente.

Ore 12.15: Aggiornamento dalla gru con Arun che spiega il tentativo fallito dei pompieri di montare una rete di protezione e lo stato di salute dei sei migranti in lotta.

Ore 12.00: Si sta concludendo il processo ai danni del secondo dei 4 immigrati arrestati ieri. Per lui -un cittadino pakistano-, accusato di resistenza a pubblico ufficiale, gli inquirenti hanno chiesto la custodia cautelare in carcere. Il giudice sta decidendo in questi momenti.

Ore 11:10. Primo aggiornamento dal Palazzo di Giustizia. Il processo nei confronti di Singh è rinviato al 29 novembre, 2 immigrati presentano evidenti segni di percosse, per gli altri si aspetta.

Ore 10:10: i vigili del fuoco salgono 10 metri sopra la gru. L’obiettivo sembra essere ancora quello di posizionare delle protezioni. Dalla gru ribadiscono che non vogliono interventi esterni. Da via San Faustino il collegamento con Sancho della redazione.

La corrispondenza di Leo dal presidio di via San Faustino

Ore 9.15: Uno dei quattro immigrati arrestati ieri, Singh, e Fabio saranno processati per direttissima oggi alle 10. Per gli altri ancora nessuna comunicazione.

Ore 7.40: Ancora un aggiornamento sulla situazione in via San Faustino con Maurizio Murari, uno dei nostri collaboratori fermati ieri mattina.

Ore 6.20: La notte è finita. Sono passate 24 ore dallo sgombero del presidio sotto la gru. In via San Faustino cresce il numero degli antirazzisti solidali con la protesta dei 6 immigrati, arrivati ormai al decimo giorno di mobilitazione a 35 metri d’altezza. Attorno al cantiere di piazzale Battisti restano schierati poliziotti e carabinieri. La situazione è calma, ma non tranquilla. Ci si aspetta un’altra giornata impegnativa: c’è da portare avanti la lotta sopra e sotto la gru, ma anche da verificare come l’autorità giudiziaria intenderà procedere nei confronti degli arrestati di ieri. Da chiarire anche la sorte dei 12 migranti deportati nei Cie. Il primo aggiornamento di giornata da via San Faustino con Irene della redazione.

leggi anche

Donne, razza e classe

di: Angela Davis

Sono rom e ne sono fiera

di: Anina Ciuciu

Al palo della morte

di: Giuliano Santoro

La normale eccezione

di: Felice Mometti e Maurizio Ricciardi (a cura di)

L’assedio al razzismo comincia tra i banchi

Angela Davis (da il manifesto)*

Tre ipocrisie da sfatare sui fatti di Gorino

Girolamo De Michele (Da Internazionale)*

Daesh, le nostre città, la guerra dei cent'anni.

Valerio Renzi Wu Ming 1 Giuliano Santoro*

Cinque regole per sconfiggere il caporalato

Wolf Bukowski (Da "Internazionale")*

Il Primo maggio, la razza, i "clandestini"

Wu Ming da Internazionale