Nota quotidiana
Giovanna Pezzuoli
Un nuovo movimento femminista è oggi più che mai urgente, un movimento che dovrebbe partire proprio dalle donne più vulnerabili alle politiche di austerità, alla violenza maschile, alle discriminazioni sui posti di lavoro, contrapponendosi al femminismo lean in, falsamente universalista.
In movimento
Libreria Alegre
Dal 4 marzo al 27 maggio, 4 sabati in strada con "Pigneto da leggere", iniziativa che intreccia le esperienze di 20 editori indipendenti romani con le associazioni e istituzioni sociali e culturali del quartiere.
Tempi moderni
Carlo Stasolla*
Rileggendo a mente fredda quanto avvenuto a Follonica, si prende atto di quanto la lotta alla discriminazione in Italia sia ferma all’anno zero.
Nota quotidiana
Lev Trotsky
Il 23 febbraio di cento anni fa - 8 marzo per il nostro calendario - scoppia, in modo largamente spontaneo, la rivoluzione di febbraio, prima fase di ciò che accadrà in ottobre. Ecco come racconta quel giorno Trotsky in "Storia della rivoluzione russa" che ripubblicheremo nei prossimi mesi.
Accade a sinistra
Porpora Marcasciano*
A quarant'anni dall'evento più ricordato del movimento del Settantasette, vi proponiamo il racconto di quella giornata che fa Porpora Marcasciano dal suo particolare angolo di visuale in "AntoloGaia. Vivere sognando e non sognare di vivere: i miei anni Settanta".
Nota quotidiana
Tatiana Montella
Pubblichiamo la postfazione di Tatiana Montella al volume Storia delle storie del femminismo di Cinzia Arruzza e Lidia Cirillo. Uno stralcio estratto dalla postfazione è stato pubblicato sul numero di febbraio di Le Monde diplomatique.
Nota quotidiana
Paolo Foschini
(dal Corriere della Sera)*
Monito ai tantissimi che ritenendosi tanto facilmente «aperti» e pronunciando così spesso la fatidica parola «integrazione» non sempre colgono l’insidia nascosta nel proprio stesso pensiero: dicendo «integratevi», ma in realtà intendendo «diventate come noi».
Condividi contenuti