I Mondiali della vergogna

I campionati di Argentina '78 e la dittatura
di: Pablo Llonto

Durante i campionati del mondo del 1978 successe di tutto: morte, tortura, desaparecidos, doping, paura, corruzione, bugie. Eppure Argentina ’78 sarà il momento di maggior popolarità della dittatura Videla.
Dalla non convocazione di Maradona alle simpatie comuniste dell’allenatore Menotti, dal poco credibile sei a zero al Perù fino alla finale con l’Olanda, il libro ripercorre i principali eventi sportivi che riempirono d’orgoglio il paese insieme ai tentativi di boicottaggio del Mondiale e alle azioni di guerriglia dei montoneros.
Un libro di storia, che affronta le responsabilità collettive della società argentina nell'occultamento della realtà, e che dimostra come l'innocenza sportiva e i suoi festeggiamenti si convertono spesso, in
modo cosciente o incosciente, in appoggio ai governi, anche ai più sanguinari.

AUTORI:
Pablo Llonto, giornalista e avvocato, nel 1978 lavorava per la pagina sportiva dell'importante quotidiano argentino Clarin. Ha poi lavorato per molti giornali, radio e riviste, e attualmente scrive sulle riviste Gatopardo e Veintitres. Come avvocato ha rappresentato diverse famiglie di desaparecidos o assassinati durante la dittatura. E' autore del libro La noble Ernestina, inchiesta sul passato occulto del
quotidiano Clarin.

Giuseppe Narducci, magistrato, è il Pubblico ministero di Napoli che ha scoperto Calciopoli, l'inchiesta ancora in corso che ha messo sotto sopra il mondo del calcio italiano.

Guarda su gazzetta.it il dialogo tra Javier Zanetti e Giuseppe Narducci sul Mondiale del '78 in Argentina: http://www.gazzetta.it/Sport_Vari/Altri_Sport/Altri/27-05-2010/mondiale-...

PUOI ACQUISTARLO SUBITO CON IL 15% DI SCONTO E SENZA SPESE DI SPEDIZIONE

la scheda del libro:
autore/i: Pablo Llonto
prefazione: Giuseppe Narducci
prezzo: 15€
pagine: 224
isbn: 9788889772430
date uscita: 05/2010