Le fabbriche recuperate

Dalla Zanon alla RiMaflow. Un'esperienza concreta contro la crisi
di: Andrés Ruggeri

Le "fabbriche recuperate", abbandonate dagli imprenditori e poi occupate e rimesse in moto direttamente dai lavoratori, sono una delle esperienze più interessanti dell'Argentina uscita dalla grande crisi del 2001.[...]

C'era una volta la Fiat

La nuova Fca e lo scontro di Marchionne con il sindacato
di: Salvatore Cannavò

Da gennaio 2014, grazie a Obama e ai sacrifici del sindacato Usa, la Fiat rileva l’intero capitale della Chrisler diventando Fca. Torino non sarà più la testa del gruppo, e la lotta alla Fiom portata avanti in questi anni da Marchionne assume un significato più evidente: le condizioni sindacali degli Usa devono diventare il paradigma per le relazioni di lavoro di tutto il gruppo, anche in Italia.[...]

Amianto

Una storia operaia
di: Alberto Prunetti

Renato è un operaio cresciuto nel dopoguerra che ha iniziato a lavorare a quattordici anni. Un lavoratore che scioglie elettrodi in mille scintille di fuoco a pochi passi da gigantesche cisterne di petrolio. Un uomo che respira zinco, piombo e buona parte della tavola degli elementi di Mendeleev, fino a quando una fibra d’amianto trova la strada verso il torace. [...]

Lotta di classe sul palcoscenico

I teatri occupati si raccontano
di: Lidia Cirillo

Sono attori, registi, musicisti, grafici, fumettisti, tecnici video, guardasala, traduttori, macchinisti, ed hanno reagito alla nota frase di un recente ministro dell’economia secondo cui “con la cultura non si mangia”. Le occupazioni dei teatri e dei luoghi di cultura non sono un episodio marginale nel conflitto sociale degli ultimi anni in Italia e hanno coinvolto migliaia di persone.[...]

Cronache dalla crisi

Grecia, liberismo e diseguaglianze

Marco Bertorello (da il manifesto)

Un paese sotto tutela economica e politica, prima ancora di uscire formalmente dalla crisi già annuncia le proprie ricette su come ripartire aderendo alle peggiori logiche di mercato. Si decide nuovamente di puntare sulle imprese e sui più ricchi, riducendogli il loro carico fiscale

Tempi moderni

La Ferrari di Marchionne sta a Wall Street

Salvatore Cannavò

Lo scontro tra Marchionne e Montezemolo nasconde lo scontro tra due strategie del capitalismo italiano, e il controllo della Ferrari da parte dell'ormai più americana che torinese Fca diventa decisivo.

Nota quotidiana

Un sito che raccolga le opere di Stefano Tassinari

Un progetto di crowdfounding per realizzare un sito che raccolga le testimonianze sonore, video, fotografiche e testuali della vita e delle opere dello scrittore ferrarese.

Cronache dalla crisi

Lehman Brothers, l’estate della Grande Peste

Salvatore Cannavò (Da il fattoquotidiano.it)*

A sette anni dall'inizio della crisi, il refrain preferito dai vari governanti è che dalla recessione prima o poi usciremo. In realtà, l’economia mondiale, a eccezione dei paesi asiatici e/o emergenti, è ancora là. Ma, a differenza di allora, porta sulle spalle il peso enorme dei salvataggi finanziari.

Tempi moderni

L’impossibile poetica della «Fabbrica mondo» targata Fiat

Mattia Cinquegrani (da il manifesto)

Se anche nel pro­cesso di acqui­si­zione di Chry­sler, Mar­chionne ha otte­nuto, dal sin­da­cato ame­ri­cano Uaw, con­di­zioni lavo­ra­tive e retri­bu­tive tutt’altro che favo­re­voli per gli ope­rai, per imma­gi­nare cosa acca­drà nella Fca, biso­gna rileg­gere pro­prio la sto­ria del pro­getto Fab­brica Ita­lia.

Rassegna dal web

Piccola storia (di) Letteraria

Giuseppe Ciarallo e Milena Magnani*

Su "A" rivista anarchica, un ricordo di Stefano Tassinari attraverso il racconto della sua ultima “creatura”. Che è continuata dopo la sua morte. E non ha intenzione di smettere.

Tempi moderni

Il cielo sopra Piombino

Alberto Prunetti (Da Carmillaonline)*

“È morto l’altoforno, viva l’altoforno!”. E’ successo un po’ anche questo, nel paese in cui sono nato 41 anni fa, in un ospedale a poche centinaia di metri da un’acciaieria, a Piombino.

Nuova Rivista Letteraria

Nuova rivista Letteraria 9 - Maggio 2014

n° 9

Silvia Albertazzi, Bruno Arpaia, FRancesco Cattani, Giuseppe Ciarallo, Girolamo De Michele, Franco Foschi, Nicola Galli Lafores, Lorenza Ghinelli, Agostino Giordano, Uliano Lucas, Milena Magnani, Lorenzo Mari, Gianluca Morozzi, Cristina Muccioli, Gian Piero Piretto, Alberto Prunetti, Sergio Rotino, Gino Scatasta, Paolo Vachino, Massimo Vaggi.


La rivista ERRE

LA CRISI NON E' FINITA - ERRE N. 51

EDITORIALE
Cambiare si può (Salvatore Cannavò)

PRIMO PIANO
L'Europa, la crisi, la sinistra (Josep Maria Antentas)

TEMPI MODERNI
Contratto nazionale, storia di una caduta (Andrea Martini)[...]